Sport

GIRO D’ITALIA 2018, UNA COMPETIZIONE STORICA

Che il Giro d’Italia 2018 sarebbe terminato negli annali del ciclismo lo si era capito sin da quando era stata annunciata la partenza da Gerusalemme. L’edizione numero 101 della competizione sarà senza dubbio storica: per la prima volta un Grande Giro partirà fuori dall’Europa per concludersi a Roma, come era accaduto soltanto tre volte, nel 1911, nel 1950 e nel 2009. Due sole cronometro individuali, un totale di 3.562,9 km da percorrere in ventuno tappe, per una media di 169,7 km per tappa, e ben 8 arrivi in salita. Sette tappe per i velocisti, sei tappe di media difficoltà e altre sei ad alta difficoltà. Tutti dati, questi, che i ciclisti dovranno analizzare con grande attenzione per conoscere il tracciato nei minimi dettagli e studiarne le possibili insidie. Il Giro d’Italia 2018 si aprirà venerdì 4 maggio alle ore 13:50 a Gerusalemme con la prima delle due cronometro individuale; ma la prima non sarà l’unica tappa a svolgersi “in trasferta”: anche la seconda e la terza tappa si correranno in Israele con arrivo a Eilat, città nell’estremo sud della Nazione. Quindi, a partire dalla quarta tappa, la Catania-Caltagirone in programma martedì 8 maggio, si gareggerà interamente nella penisola italiana. Il Giro d’Italia si chiuderà allora il 27 maggio a Roma, con una tappa di 115 km che si sviluppa totalmente lungo le vie cittadine della Capitale. Proprio qui sarà assegnata la celebre Maglia Rosa, oggi nelle mani del vincitore della scorsa edizione del Giro, l’olandese Tom Dumoulin, piazzatosi davanti al colombiano Quintana e all’azzurro Vincenzo Nibali. Il favorito numero uno per la vittoria finale dell’edizione 2018, secondo i bookmakers, è il britannico Chris Froome. Buone chance di vittoria anche per il campione uscente Dumoulin, quindi Fabio Aru, Lopes e Pinot. Nonostante il terzo posto della scorsa edizione, Vincenzo Nibali ha deciso di non prendere parte al Giro, concentrandosi così per il Tour de France.

Che dire, mancano ormai pochi giorni alla partenza e poi sarà battaglia sui continui sali-scendi delle tappe. Mettiamoci comodi e gustiamoci il Giro d’Italia 2018, e che vinca il migliore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...